16 Gennaio 2021
Continue reading...

Danzate, vi salverete da voi stessi

La chiamò “Wuppertaler Tanztheater” la sua prima compagnia di danza nel teatro della cittadina tedesca dove, nel 1973, iniziò a lavorare come coreografa. Aveva vinto il primo premio al Concorso di Coreografia di Colonia nel ’69 e lavorato a fianco di Jean Cébron, Kurt Jooss, danzato per Lucas Hoving e per Antony Tudor imparando molto sul movimento. Ma Pina Bausch desiderava inseguire la sua idea per arrivare a quello che voleva dire con la danza… Continue reading
Continue reading...

Il fuoco dell’ispirazione. Intervista a Leonardo Malaguti.

Ha destato scalpore l’aggressione ricevuta da Leonardo Malaguti in occasione della passerella sul tappeto rosso dell’ultimo Festival del Cinema di Roma. Lo scrittore, insieme al cast, era lì a presentare l’anteprima della trasposizione cinematografica tratta dal suo romanzo d’esordio, “Dopo il diluvio”, edito da Exòrma. L’incidente al Festival è l’ennesimo ostacolo che si aggiunge alle difficoltà incontrate dalla produzione nel distribuire il film. Con tutta l’eccellenza dei nomi coinvolti - basti pensare al regista e… Continue reading
Continue reading...

Sciamadda Vicolo d’inferno

Cosparsa di benzina in Vico degli Scudai pensa ai suoi genitori e, se non stesse per morire, l’ironia del nome scelto per lei trentacinque anni prima la farebbe ridere di gusto. Ora che Fiamma Sciamadda sta per bruciare capisce che le lacrime che le bagnano il viso non hanno il potere di spegnere nessun incendio. Genova di limone. Prima che l’odore del mondo venisse disciolto su per il naso in quello lacerante di benzina, percorrere… Continue reading
Continue reading...

Bohumil Hrabal: la solitudine troppo rumorosa di uno spaccone dell’eternità

Foto in evidenza: Villeglé, "Carrefour Sèvres-Montparnasse", 1961, particolare Un maniscalco della parola, inventore di una lingua fisica, scaturita dai sensi e che i sensi restituisce brutalmente alla pagina scritta, Bohumil Hrabal (Brno, 1914 - Praga, 1997) è un uomo costantemente gravido dei racconti della gente comune, abile a passare dalla materia grezza alla trascendenza toccando le mucose della vita. Un guastatore nato che vorrebbe fare del libro il contraltare di un organismo vivente che ride, ama,… Continue reading
Continue reading...

Benevolenza cosmica

Fabio Bacà -  Cosa fareste se foste travolti da una dose massiccia di fortuna? Uno sciame di eventi che hanno quasi del miracoloso sottopongono a una dura prova di nervi Kurt O’Reilly, il trentenne responsabile della divisione Affari ed energia all’Ufficio nazionale di statistica londinese. Donne di qualunque età sessualmente disponibili, taxisti che gli offrono corse gratis, rimborsi inattesi dall’agenzia delle entrate, promozioni professionali e la morte sfiorata sono solo una piccola parte delle sorprese… Continue reading
Continue reading...

Felliniana – Di quanto sono belle le donne

Fine giugno del 1979. La scuola era finita da una settimana. Il professore di arte e disegno ce lo aveva promesso da tempo e quel sabato mattina ci condusse, in veste di aspiranti giornalisti, all’interno di Cinecittà. Dovevamo prendere appunti e comporre un articolo che sarebbe stato scelto e pubblicato sul giornale scolastico. Arrivammo in fila per due sul piazzale d’entrata e, varcando l’ingresso, ci venne assegnato un tesserino azzurro con un numero bianco. Fu…

Continue reading
Continue reading...

Con Sara Rattaro “Andiamo a vedere il giorno”

Chi l’ha detto che le emozioni non sono spiegabili? Ci sono scrittori e scrittrici che hanno una naturalezza nel mettere in fila parole, in grado di permetterti di entrare non solo nelle pagine dei loro libri, ma anche nelle vite dei personaggi. Respirare accanto a loro, con loro. Ed è quello che succede leggendo un romanzo di Sara Rattaro, Premio Bancarella nel 2015 con “Niente è come te”. Di recente ha pubblicato “Andiamo a vedere…

Continue reading
Continue reading...

Alfonso Gatto: quel poeta che veniva dal Sud

Quel poeta veniva dal Sud, con la sua fragile e dignitosa valigia di cartone. Aveva di occhi grandi, spalancati, assenti, vigili, stellati. Una voce cantilenante, in perpetua modalità di recitazione. Dove ogni pausa era un tiro di sigaretta, un rilascio di fumo. Veniva dal Sud e la sua valigia di cartone pesava le anime dei suoi morti al paese, del suo orizzonte di mare e montagna, della sua verità di storia e amore. Aveva la…

Continue reading
Continue reading...

Il libro di talbott

Chuck Palahniuk -  Può succedere ancora che un libro riesca a dare uno scossone a una nazione, divulgando un pensiero in grado di riorganizzare la mente del popolo? Un grosso libro nero-blu dal titolo a caratteri d’oro “Talbott Reynolds, Il Giorno dell’Aggiustamento”, un sutra della pornografia del potere pubblicato in forma di samizdat, inizia a circolare tra le mani degli americani come manifesto di una nuova coscienza collettiva. Il solo leggerne le pagine in pubblico… Continue reading
Continue reading...

ODS. L’officina dello scrittore

Parte seconda Il mestiere dello scrittore, John Gardner. Medievalista e scrittore, John Gardner (Batavia 1933 – Susquehanna 1982) insegnò scrittura creativa in prestigiose università americane, fra i suoi studenti si annovera Raymond Carver, a cui venne affidata l’introduzione del saggio che stiamo prendendo in esame. Quando ho iniziato la lettura de “Il mestiere dello scrittore” mi sono trovata di fronte al professore denso di dettami, la voce autorevole che a tratti intimidisce e ho quasi…

Continue reading