16 Gennaio 2021
Robert Yarber, “Strange attractors”, 1995-96, particolare Continue reading...

Carneade e la letteratura a stelle e strisce

Foto in evidenza: Robert Yarber, “Strange attractors”, 1995-96, particolare. Carneade? Forse. Non nel fraintendimento, o se volete nella semplice banalizzazione della celebre sentenza manzoniana – “Carneade! Chi era costui?” – messa in bocca a Don Abbondio, che ha condannato il filosofo scettico a vestire i miseri panni dello sconosciuto, dell’ignoto, di colui, insomma, di cui non si sa nulla (e non per responsabilità propria, s’intende), ma al contrario nella corretta lettura di quella esclamazione, che non l’insignificanza… Continue reading
Continue reading...

Bohumil Hrabal: la solitudine troppo rumorosa di uno spaccone dell’eternità

Foto in evidenza: Villeglé, "Carrefour Sèvres-Montparnasse", 1961, particolare Un maniscalco della parola, inventore di una lingua fisica, scaturita dai sensi e che i sensi restituisce brutalmente alla pagina scritta, Bohumil Hrabal (Brno, 1914 - Praga, 1997) è un uomo costantemente gravido dei racconti della gente comune, abile a passare dalla materia grezza alla trascendenza toccando le mucose della vita. Un guastatore nato che vorrebbe fare del libro il contraltare di un organismo vivente che ride, ama,… Continue reading
Continue reading...

ODS. L’officina dello scrittore

Parte seconda Il mestiere dello scrittore, John Gardner. Medievalista e scrittore, John Gardner (Batavia 1933 – Susquehanna 1982) insegnò scrittura creativa in prestigiose università americane, fra i suoi studenti si annovera Raymond Carver, a cui venne affidata l’introduzione del saggio che stiamo prendendo in esame. Quando ho iniziato la lettura de “Il mestiere dello scrittore” mi sono trovata di fronte al professore denso di dettami, la voce autorevole che a tratti intimidisce e ho quasi…

Continue reading
Continue reading...

Tra le pieghe del tempo: crisi e salvezza della modernità

Era il 1452 quando un orafo pingue e triste, che risponde al nome di Johann Gutenberg, nel suo studio di Magonza rivoluzionava il modo di apprendere e di conoscere stampando per la prima volta una Bibbia a caratteri mobili. Un formidabile terremoto per il mondo occidentale, un punto di svolta epocale al pari della scoperta dell’America o della conquista ottomana di Costantinopoli. Contemporaneamente alla rivoluzione di Gutenberg ma a Ferrara, nella culla più chic d’Europa,…

Continue reading
Continue reading...

Bagatelle per un lettore

– L’antisemitismo è la più spregevole forma di vigliaccheria – dissi una volta. Non accadde in qualche particolare occasione, si trattava di una semplice chiacchierata. E di rimando, subito qualcuno replicò: – Certo, però Céline? Come la mettiamo con Céline, che non ti stanchi di definire maestro? Fu allora che pensai a Ceronetti, e a quel che di Céline scrive, con l’acutezza che gli è propria e di cui grandemente sentiremo la mancanza nel suo…

Continue reading
Continue reading...

L’infinito (di) David Foster Wallace nel suo Infinite Jest

Il tentativo di definire i numeri irrazionali da parte dei più grandi matematici, scienziati e filosofi lungo una strada pavimentata da teorie, enigmi, paradossi che ha origine nell’antichità, sembra che sia sempre in qualche modo arrivato a misurarsi con l’incommensurabilità, l’astrazione e l’infinito. L’astratto – o distante o separato dalla materia, dalla pratica e dall’esperienza reale – è un termine che deriva dalla metafisica e va ai Greci il merito di averne attribuito il significato…

Continue reading
Continue reading...

We are not gonna take it anymore – La musica, ponte di pace tra oriente e occidente

Mai come in questo contesto culturale il concetto di pace è parso così poco credibile, benché se ne parli e lo si invochi ovunque. Vale quindi la pena parlarne ancora? Un saggio interessante in tal senso è “Pensare la pace. Il legame imprendibile” di Francesca Bonicalzi (Jaca Book, 2010). La pubblicazione raccoglie infatti diverso materiale che, dal pensiero occidentale e da alcuni autori contemporanei, propone una riflessione sui legami umani e sulla pace intesa non…

Continue reading
Continue reading...

La promessa impossibile

Il giallo letterario classico, poniamo. Quello, per intenderci, che richiama immediatamente il pensiero ad autori riconosciuti e amati da tutti, da Agatha Christie ai suoi eroi Hercule Poirot e Miss Marple, per esempio, o sir Arthur Conan Doyle, creatore dell’infallibile detective privato morfinomane Sherlock Holmes (nonché del suo pigro ma ancor più dotato fratello maggiore Mycroft), anche se un doveroso rispetto di cronologia e diritto di primogenitura imporrebbe di citare, in luogo del grande scozzese,…

Continue reading
Continue reading...

ODS. L’officina dello scrittore

Parte prima “Il mestiere dello scrittore”, Murakami Haruki. L’Officina Dello Scrittore è dedicata a tutti coloro che hanno qualcosa da raccontare, a tutti quei lettori che, immergendosi in un testo, non odono la sola voce dello scrittore, ma carpiscono bagliori e riflessi della loro stessa voce, a tutti coloro che almeno una volta hanno sentito il sussurro dentro: “io voglio scrivere”. Questo ciclo di articoli prende in esame i suggerimenti di scrittori affermati che hanno…

Continue reading