19 Gennaio 2020
Continue reading...

LA RINASCITA di Elisa Marchinetti ( 1° classificato alla 40° edizione del Concorso Letterario di Acquafredda )

Si era fatto da poco giorno e il cielo sembrava promettere bene. Le nuvole cupe e minacciose della sera prima avevano lasciato campo a una volta tersa e limpida. Solo qualche venatura sfilacciata di un rosa livido movimentava l'orizzonte in lontananza. Seduta a gambe incrociate sul pavimento freddo e con le mani appoggiate sulle ginocchia, Laura si soffermò a guardare attentamente quel groviglio di filamenti avvizziti e peduncoli inerti che spuntavano da una palla di… Continue reading
Continue reading...

COLORI NEL BUIO di Vanni Camurri ( 2° classificato alla 40° edizione del Concorso Letterario di Acquafredda )

Alfredo gustò un sorso di Vermouth. Si sentiva gratificato dal fatto che il comandante della locale stazione dei Carabinieri venisse di tanto in tanto a chiedere il suo parere. Non era un informatore, ma trascorrere buona parte della giornata nel bar del paese aveva i suoi pregi; tanto a lui nessuno faceva caso: ormai era parte dell’arredamento. Quella mattina il maresciallo Olmo era entrato salutandolo ancor prima di chiudere la porta: – Oh, Alfredo, proprio… Continue reading
Continue reading...

L’OBLIO NON ASSOLVE di Giuseppe Raineri ( 3° classificato alla 40° edizione del Concorso Letterario di Acquafredda )

– Volevo parlarle, Giovanni. Non c’è bisogno che si sieda. Sarò breve. Lucia, la dottoressa responsabile del reparto, era in piedi dietro la sua scrivania e guardava l’infermiere dritto negli occhi con un’espressione di chiara insofferenza. Non gradiva muovere rimproveri ai suoi collaboratori per motivi che esulassero da questioni espressamente legate alla vita del reparto. – Anch’io desideravo dirle qualcosa e… – Ci sarà tempo per questo. L’ho convocata personalmente perché mi è stato riferito… Continue reading
Continue reading...

Imperiali settembrini

L’ora di pranzo è passata. Me ne accorgo lungo la scalinata che dalle banchine del Tevere sale su fino alla strada. Le chiacchierate da un proprietario all’altro dei battelli in sosta sul fiume mi hanno sospeso sia l’attenzione che lo stomaco. Arrivo in cima e comincio a decidere dove andare. Lascio scorrere un gruppo di turisti in fila indiana sul Lungotevere davanti piazza Trilussa. Li oltrepasso con lo sguardo. Indago, laggiù a sinistra, dove la… Continue reading
Continue reading...

Rachel

Sta seduta sulla terra rossa e si tiene due gambine magre strette in grembo. Un pallone di gomma, disegnato a spicchi, dello stesso colore della terra rimbalza in cerca di qualcuno che ne abbia cura. Rachel lo guarda per un momento, ma i suoi sensi sono attratti dal richiamo delle rondini che sfrecciano in cerca di insetti da portare ai nidi dai loro piccoli. Il cielo è terso e si è liberato di tutta l’umidità…

Continue reading
Continue reading...

Cloruro di sodio

Ognuno ha cose sue. Da dire o da tenere. Da confondere e scantonare con silenzi tenaci, pervicaci e saggi o con sfilate di parole sul nulla mischiato col niente. Tutto vale in amore e in guerra, pur di celare se stessi e preservare il proprio fortino di emozioni. La vacanza al mare è pelle dorata. Gambe toniche e asciutte. Il sapore di Spritz sulle labbra e il salino in gola. E tanti tasselli da rimettere…

Continue reading
Continue reading...

Il piccolo vietnamita

(Liberamente tratto da una storia di Balzac) Prese la mano di suo padre per portarlo via da quel negozio. Ma l’uomo insisteva per saperne di più e confidava nell’intimità costruita con il commesso, che non lesinava commenti entusiastici su quell’ultimo paio di scarpe sportive appena sfornate dalla grande azienda leader del settore. Un enorme giocatore di basket cartonato a grandezza naturale dimostrava tutta la sua felicità passeggiando nell’iperuranio, ché persino Platone aveva abbandonato il classico…

Continue reading
Continue reading...

Alle spalle

Negli ultimi anni la microbiologia molecolare ha dimostrato che corpo e cervello funzionano in modo molto più efficiente prendendo energia dai grassi piuttosto che dagli zuccheri. Le nostre abitudini alimentari privilegiano, però, proprio gli zuccheri tramite un consumo eccessivo di carboidrati complessi i quali, trasformati in glicogeno, entrano direttamente nel fegato e nei muscoli per essere utilizzati come carburante principale dall’organismo. È quindi estremamente improbabile avere a che fare con metabolismi alimentati dalle molecole dei… Continue reading
Continue reading...

La realtà è diversa

Qualche anno fa è venuta a mancare una principessa. Non una principessa qualsiasi. No. È scomparsa Leila, la sensualità subliminale di Star Wars. Minuscola, visino angelico e vendicativo, con un’acconciatura ottocentesca di trecce e doppio chignon. Castigata in una candida tuta spaziale o aggressiva in un bikini borchiato alla Barbarella, è diventata la protagonista di quell’immaginario maschile che custodisce la principessa dei propri sogni, consolidando in maniera sublime quel rincoglionimento che ci accompagna fin dalla… Continue reading
Continue reading...

Audrey in the country

L’armadio, quello di sua madre, è sempre lo stesso: sei ante, uno specchio per anta. Due ante per l’autunno e per l’inverno, due per la primavera e l’estate. Le restanti due dedicate a contenere le quattro stagioni dei vestiti di papà. E ce ne cresce, che tanto gli uomini son sempre vestiti uguali. Anche il suono cigolante dell’incontro tra chiave e serratura dell’armadio è sempre lo stesso. Da bambina. Gonne così lunghe che spazzano il… Continue reading